Cosmetici e allergie

 

Quali sono le allergie più comuni per chi usa cosmetici? E come prevenire gli sfoghi?

 

La categoria dei cosmetici comprende una vastissima gamma di prodotti che sono entrati ormai a far parte della quotidianità per le donne (ma sempre di più anche per i maschietti). Anche se siete convinte di fare particolare attenzione alla scelta di creme e prodotti di bellezza, nessuna precauzione vi mette davvero al riparo dal rischio di reazioni allergiche, soprattutto dermatiti da contatto. Come ridurre allora questo rischio ed essere belle in modo sicuro?

I cosmetici sono composti da diverse sostanze, solo alcune delle quali sono principi attivi. La legge che impone al produttore di cosmetici di riportare sull'etichetta l'elenco completo degli ingredienti utilizzati secondo la denominazione dell'Inventario europeo degli ingredienti cosmetici (o Inci) è fuorviante: gli ingredienti devono infatti essere riportati in ordine decrescente di peso, e quelli che non hanno una concentrazione superiore all'1% possono essere indicati in ordine sparso. Inoltre le sostanze che danno profumo sono indicate con termini generici ("profumo", "aroma") e i profumieri non sono obbligati a rendere pubbliche le formule dei loro composti.

Detto questo, è evidente come nonostante queste norme per la trasparenza, alcune sostanze allergeniche possano essere contenute nei cosmetici senza che noi riusciamo a capirne la concentrazione o, peggio ancora, ad identificarle. Un primo concetto che bisogna avere ben chiaro in mente è che diciture come "anallergico" o "ipoallergenico" sono assolutamente fuorvianti: non esiste in assoluto un prodotto che metta completamente al riparo dalle allergie, perché i test effettuati di solito riguardano i principi attivi e non tutti quelli che costituiscono il prodotto. Inoltre bisogna ricordare che le allergie possibili sono tantissime, e possono insorgere in momenti particolari della vita di una persona: nessun prodotto può essere considerato sicuro per sempre.

Una buona regola in linea di massima è evitare cosmetici di bassa qualità, che possono utilizzare ingredienti scadenti o peggio ancora non essere a norma dal punto di vista della lista degli ingredienti. Se siete dei soggetti particolarmente sensibili ad altri tipi di allergie, prendete l'abitudine di testare per qualche giorno un nuovo prodotto su una parte di pelle meno sensibile (ad esempio il gomito). Un'attenzione particolare ponetela anche nei cosmetici che vantano ingredienti di origine naturale: se siete allergiche al latte o all'uovo, ad esempio, considerate che molti cosmetici contengono sostanze e principi attivi estratti da questi prodotti. Inoltre, ricordate che le leggi impongono di riportare soltanto il nome della sostanza, e non le piante all'interno delle quali questa è contenuta. Se siete allergiche al principio attivo dell'aspirina, ad esempio, dovrete stare attente anche a cosmetici che contengano estratti di salice, olmaria e gaultheria.